logo    ING. PAOLO BOSCOLO SCIENTIFICA SRL




salaop

La sala operatoria

Il blocco operatorio è una struttura articolata in diverse zone che sono progressivamente meno contaminate, procedendo dall'ingresso fino ad arrivare alle sale chirurgiche.
L'ambiente è caratterizzato da ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata. L'aria viene rinnovata costantemente ed è migliaia di volte più pulita rispetto all'ambiente esterno.

I requisiti tecnici necessari a garantire la sicurezza e l'igiene ambientale sono più restrittivi rispetto ad altri luoghi di lavoro. Alle caratteristiche strutturali generali (antincendio, ambienti, passaggi) si aggiungono caratteristiche strutturali specifiche e particolari requisiti per gli impianti, per i dispositivi e per le apparecchiature tecniche.

La sala operatoria è dunque un ambiente particolare perchè "a rischio", sia per i pazienti che per gli operatori sanitari che vi lavorano. E' da sempre oggetto di studi in termini di igiene ambientale, sicurezza e protezione. Dalle prime esperienze empiriche e singole intuizioni di qualche tempo fa fino agli studi approfonditi ed altamente specializzati di oggi. E' importante capire che attualmente gli "addetti ai lavori" sono concentrati sul tema dell'asepsi e del problema relativo alle infezioni, ma spesso ancora contornati da incertezze e dubbi.
Incertezze che spesso spingono a utilizzare sistemi impiantistici e tecnologici costosissimi, dall'efficacia spesso non provata e quantomeno indefinibile. Sono le stesse aziende di settore che, nella maggior parte dei casi, svolgono le ricerche e propongono soluzioni.


Cosa dice la legge?
la sala operatoriaFino a pochissimi anni fa il legislatore affidava la progettazione e la costruzione delle sale operatorie a un Decreto del Capo di Governo del 20 luglio 1939. Successivamente, con il DPR 14/01/1997, venivano fornite indicazioni più precise a riguardo. Oggi le singole Giunte Regionali definiscono i requisiti minimi per il rilascio delle autorizzazioni all'esercizio di attività sanitarie.
Il Testo Unico D.Lgs. 81/2008, in materia di sicurezza e salute sul lavoro (ex D.Lgs. 626/94), chiede di evidenziare i rischi di esposizione ad agenti biologici, chimici e fisici e di adottare misure tecniche e organizzative individuando gli interventi di prevenzione e protezione.
L' ISPESL ha prodotto un documento che ben riassume leggi, decreti e normative di settore: Linee guida per la definizione degli standard di sicurezza ed igiene ambientale dei reparti operatori. Si tratta di un documento esaustivo e completo per quanto riguarda i requisiti del reparto operatorio ed i controlli necessari a validare periodicamente l'ambiente e gli impianti. Controlli e verifiche di sicurezza ambientale che l'ISPESL suggerisce di effettuare con frequenza almeno semestrale.

Validazione del reparto operatorio
La validazione di una sala operatoria consiste in una serie di prove che, partendo da verifiche e monitoraggi ambientali, si concludono con una certificazione di accettazione. Tali prove sono periodiche, generalmente semestrali/annuali, oppure vengono effettuate in caso di variazioni architettoniche sostanziali o modifiche agli impianti di trattamento aria, se non al collaudo di un reparto di nuova costruzione.
Gli obiettivi delle verifiche sono: verificare l'affidabilità degli impianti dal punto di vista tecnico, porre in evidenza il grado di sicurezza di tutti gli apparati, in termini di tutela della salute dei pazienti e dei lavoratori, ottimizzare le misure di sicurezza e di igiene del lavoro, migliorando il sistema di prevenzione per quanto concerne il rischio infettivo per operatori e utenti.
La documentazione che attesta l'avvenuta esecuzione delle verifiche di qualifica degli ambienti deve contenere tutte le informazioni necessarie alla migliore archiviazione dei dati, deve essere comprensibile e deve possedere requisiti tali da garantire il controllo qualità nei confronti degli enti ispettivi.

Perchè scegliere noi?
La validazione del reparto operatorio passa attraverso verifiche di natura completamente diversa tra loro ma che, in determinati termini, forniscono risposte correlate. Se le verifiche vengono assegnate a ditte diverse la conseguenza può essere il mancato confronto incrociato dei risultati e l'impossibilità di creare un archivio storico che, nel tempo, permetta di realizzare la situazione ottimale. La frammentazione del lavoro si traduce dunque in costi maggiorati, spesso dovuti all'intervento di terze parti incaricate dalle stesse ditte.
Noi effettuiamo le verifiche direttamente, senza ricorrere a terze parti, e sotto una competenza unica. E non solo. Portiamo il valore aggiunto dell'elevata qualifica, della lunga esperienza con tutte le tipologie di ambiente operatorio. Il nostro lavoro è fortemente orientato all'obiettivo: le verifiche devono rappresentare occasione di miglioramento della conoscenza degli impianti e occasione di formazione, discutendo i risultati e valutando lo storico dei precedenti monitoraggi.
Non abbiamo vincoli costituiti da nostre installazioni di impianti, manutenzione o vendita di accessori. Ecco perchè siamo completamente dalla parte del Cliente.




Normativa




CONTATTI
facebok  email



Indagini ambientali
Ingegneria clinica
Tarature
Speciali
Gas anestetici Pacchetto base
Strumentazione da laboratorio
Laboratori PMA
Gas nocivi e pericolosi
Manutenzione Strumenti di misura
Medicina nucleare
Microclima e Benessere Termico
Filtrazione Assoluta HEPA Apparecchiature neonatali
Sterilizzazione
Qualità dell'Aria IAQ
Le Vostre procedure Cappe da laboratorio
Indagini per Biobourden
Indagini Fonometriche Formazione Laboratori per emocomponenti
SBS (Edificio Malato)
Indagini Microbiologiche Verifiche CEI
La sala operatoria
Particellare ISO e GMP

Prevenzione legionellosi
Radon


Campi Elettromagnetici


HACCP


Ricambi aria e Gradienti di pressione


Piscine e Impianti Termali


Appartamenti privati